Il Palazzo e le Collezioni - Database

La Fraternita dei Laici è un’istituzione ancora oggi molto attiva non solo sul piano sociale ma anche culturale e storico artistico. Il suo patrimonio è costituito dalle Collezioni d’arte e documentarie, una parte cospicua delle quali ancora conservata nel Palazzo di Piazza Grande (Museo e Quadreria, Collezione Bartolini, Fondo Burali Forti, Archivio storico) e un’altra depositata presso i musei statali cittadini e altri luoghi (vedi Museo Virtuale e Edifici e Luoghi di Fraternita).

Il Pio Palazzo in Piazza Grande, iniziato nel 1375, fu terminato solo alla fine degli anni Cinquanta del Cinquecento. L’originale del Cristo in Pietà nella lunetta esterna del portale centrale, sostituito da una copia alla fine degli anni ’70 dello scorso secolo, si trova oggi al Museo Statale d’arte medievale e moderna di Arezzo e fu dipinto da Spinello Aretino. Il gruppo scultoreo con la Madonna della Misericordia, i Santi Lorentino e Pergentino, patroni della Fraternita, con, ai lati, San Donato e il Beato Gregorio protettori della città e della comunità cristiana di Arezzo- fu invece commissionato a Bernardo Rossellino dal Magistrato, ossia il consiglio direttivo di Fraternita, di cui fece parte anche il cancelliere fiorentino Leonardo Bruni. Tra il 1550 e il 1560 fu terminata la facciata con la costruzione della balconata e della torre dell’Orologio aristotelico- tolemaico a fasi lunari consegnato nel 1552 da Felice di Salvatore Vannucci da Fossato su incarico dei rettori della Fraternita. La costruzione del palazzo verso l’abside della Pieve di S. Maria fu terminata nella seconda metà del Seicento seguendo un progetto di Giorgio Vasari.

Internamente il palazzo conserva ancora gioielli di straordinaria bellezza pittorica come l’affresco con la Maestà di Parri di Spinello Aretino, opera eseguita nel 1448 per la Fraternita, in rappresentanza della comunità della città di Arezzo per ornare la grande Sala dell’Udienza dello stesso Palazzo (adiacente l’ingresso). Nel salone centrale dell’ampio piano terra del palazzo, che fu anche sede del Monte Pio ed era un tempo ornato da affreschi di Bartolomeo della Gatta ora staccati, campeggia il grande affresco della Madonna della Misericordia eseguito dall’artista Teofilo Torri nell’ottobre del 1612, forse per abbellire ulteriormente il prestigioso Palazzo di Fraternita in concomitanza della venuta ad Arezzo del granduca Cosimo II de’ Medici (C. Verani, Spunti di cronaca cittadina nelle ricordanze di Teofilo Torri Pittore Aretino, “Atti e Memorie dell’Accademia Petrarca”, 26/27, 1939, pp. 129-133).

Dopo la ristrutturazione del Palazzo di Fraternita, caldeggiata dal Granduca Pietro Leopoldo di Lorena nel 1781, che portò all’apertura al pubblico della Biblioteca di Fraternita e alla fondazione di un’accademia artistica, la Scuola Libera di disegno e modellazione, venne intrapreso da parte dei rettori di Fraternita un vasto programma decorativo che incluse anche il dipinto murale della Pallade Athena opera di Angelo Ricci. Il soggetto, che riecheggia il bronzo etrusco rinvenuto ad Arezzo nel XVI secolo e subito entrato nelle raccolte medicee insieme alla celebre Chimera, rappresenta l’emblema dell’ingegno aretino ma anche del forte legame con l’arte antica.

Collezione Bartolini

Collezione Bartolini

Nata come raccolta privata dello scultore aretino Ranieri Bartolini (1794-1856), la Collezione divenne alla sua morte...
Leggi tutto

Fondo Burali Forti

Fondo Burali Forti

Il Fondo Burali Forti giunge alla Fraternita dei Laici di Arezzo nel 1921 quando, a distanza di sedici anni dalla sua...
Leggi tutto

Archivio Storico

Archivio Storico

Con il riordinamento dell’archivio e la pubblicazione dell’inventario ad opera di Augusto Antoniella (in 2...
Leggi tutto

Nessuna Opera Trovata